Skip to content
28 maggio , 2007 / Flax

Uno per tutti, tutti per uno

575-80.jpg

La spada che difenderà i diritti dell'open

 

“Roma – “Toccate un solo membro della comunità Linux e dovrete vedervela con noi tutti”. È con questo spirito battagliero, seppure condito da una sana dose di pragmatismo, che il direttore esecutivo di Linux Foundation, Jim Zemlin, ha improntato un recente editoriale apparso su BusinessWeek relativo alle recenti accuse rivolte da Microsoft a Linux e OpenOffice. Accuse che, come noto, riportano in ballo l’ormai annosa questione dei brevetti software e della minaccia che questi rappresentano per l’intero mondo del software open source.

“Microsoft non è la sola – e neppure la più grande – proprietaria di brevetti in questo campo. Certi membri dell’ecosistema Linux possiedono un portafoglio di brevetti di rilevante importanza”, ha scritto Zemlin nel proprio articolo. “Gruppi industriali come l’Open Innovation Network e il nostro programma legale, aggregano i brevetti dei nostri membri in un arsenale utilizzabile come deterrente contro attacchi predatori sui brevetti”.

Zemlin ha anche ricordato come la propria organizzazione gestisca un fondo che protegge utenti e sviluppatori di software open source da eventuali cause legali relative ai brevetti.

“Non ci aspettiamo di doverlo fare, ma se necessario utilizzeremo questo fondo per difendere Linux”, ha commentato il boss di Linux Foundation, che ha inoltre diffidato Microsoft dal continuare una “campagna di FUD buona soltanto per minare la fiducia nel sistema delle proprietà intellettuali statunitense”.

Zemlin ricorda come nel 2005 fu lo stesso general counsel di Microsoft, Brad Smith, ad esortare il Congresso degli Stati Uniti perché riformasse l’attuale sistema dei brevetti. Secondo il dirigente di Linux Foundation, Microsoft dovrebbe “collaborare con l’ecosistema Linux per ricostruire la fiducia” di cittadini e aziende verso le attuali normative sui brevetti.

Quando scritto da Zemlin si ricollega peraltro alle recenti dichiarazioni del fondatore di Ubuntu Linux, Mark Shuttleworth, convinto del fatto che entro pochi anni Microsoft diverrà uno dei più strenui avversari dei brevetti software.

Il dirigente di Linux Foundation era già intervenuto sulla questione brevetti all’inizio della scorsa settimana, quando invitò gli utilizzatori di Linux a non temere le minacce di BigM.”

 

Annunci

2 commenti

Lascia un commento
  1. Flax / Mag 28 2007 5:09 pm

    L’ultimo che ha lasciato un commento su Punto informatico: Della “sparatoria” rimmarrà solo un misero cursore che lampeggia nell’angolo in alto a sisnistra del monitor. Geniale :mrgreen: Speriamo solo che il monitor abbia lo sfondo blu…

  2. SweetRay / Mag 30 2007 5:23 pm

    uno per tutti e tutto per uno…suggestivo!!! ha quel non so che di Guerre stellari!!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: